Lavorare in treno

Come ribadito in precedenza, passo la maggior parte del mio tempo libero sui treni. Di conseguenza non sono solo diventati il mio mezzo di trasporto preferito, ma piuttosto un vero e proprio ufficio.

Da sempre sfrutto il tragitto in treno per leggere, scrivere, riflettere, guardare serie, studiare, sottolineare & soprattutto lavorare.

Lavorare in treno: Equipaggiamento

Vi chiederete come posso lavorare su un treno. Il concetto e´ molto semplice. Dopo alcuni anni di conclamata vita da nomade, mi sono decisa ad abbandonare l ´ animo romantico del nomadismo per adottare, invece, un approccio molto piu´´ pragmatico. In poche parole ho deciso di partire organizzata, invece di lasciare tutto al caso.

Presto detto, perche´´. Ho passato tutti gli anni dell ´´ unviersita´´ facendo la spola tra Innsbruck dove lavoro, studio e vivo e Trento, dove vive la mia famiglia. Non si parla di un viaggio rocambolesco, eppure riuscivo puntualmente a dimenticarmi alcune cose.

Il risultato era che non riuscivo a lavorare, perche´ per un motivo o per l ´ altro dimenticavo qualcosa di indispensabile: ricaricatori, appunti, schede, documenti…

Ne e´ risultato un vero e proprio equipaggiamento. Di cosa si compone il kit di sopravvivenza da traduttore by Fvinntra

1 laptop con caricatore e mouse possibilmente leggero e carico prima della partenza. Why, vi chiederete, in fondo ci sono prese sul treno, no? Qui casca il palco, perche´ in realta´´ non e´´ sempre vero. Quindi per esperienza personale, soprattutto se si viaggia su treni regionali, oppure sono previste delle soste piuttosto lunghe o ancora se avete intenzione di oltrepassare il Brennero in treno ( il treno fa una breve sosta e le prese elettriche durante quei 15-20 minuti non funzionano), portatevi una powerbank e -per essere sicuri al 100%- caricate per bene il laptop. Con caricatore, perche´´ il laptop non funziona in eterno e non va ad aria. Con mouse, perche´´ per lavoro utilizzo anche particolari software che richiedono particolare precisione. Purtroppo questa precisione non mi puo´´ essere garantita dal solo touchpad.

1 tablet: Se il computer dovesse morire per qual si voglia motivo. Uno schermo in piu´´ puo´´ sempre far comodo. Soprattutto se leggero. La tastiera wireless e´´ a vostra completa discrezione. Personalmente la trovo eccessiva, pero´´ se effettivamente il vostro laptop ha dato l ´ ultimo respiro. allora magari sarebbe cosa buona e giusta averne una a portata di mano. Ne tengo sempre una a casa, per qualsiasi necessita´´.

x cavi e cavetti: Per caricare laptop, tablet, cell e chiavetta internet e ricordatevene

sempre uno di scorta. Per esperienza personale, puo´´ succedere il peggio ai cavetti, sia che vengano dispersi nell ´ ambiente, sia che vengano presi in prestito e mai restituiti. Quindi sempre meglio averne uno in piu´´.

1 chiavetta internet e 1 chiavetta USB: Acquistata qualche anno fa e da allora e´ sempre stata al mio fianco. Mi permette di creare un mini internet point e di conseguenza mi permette di lavorare tranquillamente. Una volta in Italia mi affido alla mia compagnia telefonica. La chiavetta USB e´´ come un tubino nero nell ´´ armadio di una donna: deve esserci, punto.

Cancelleria (quantita´´ indefinita): ´Ho sempre un block notes e alcune penne con me, compresi evidenziatori. Preferisco le penne, ma purtroppo in determinate circostanze (inverno) e´´ sempre meglio avere delle matite con se´´. Credo di averlo capito dopo essere rimasta bloccata al Brennero a gennaio con la neve e il vento. Se non siete mai stati al Brennero, vi basti pensare che 3 anni fa ha nevicato. In agosto. Fatto sta che quando sono tornata in treno e volevo annotare qualcosa su un libro, non potevo perche´ l ´´ inchiostro si era ghiacciato. Per la cronaca, diffidate di qual si voglia penna dall ´´ aspetto futuristico, rimanete fedeli ai beststeller. La migliore (in termini di resistenza al freddo) credo rimanga la penna stilografica. Molto elegante, ma troppo fragile e poco pratica a lungo termine.

1 zaino: Ne ho provati talmente tanti che ormai potrei creare un nuovo prototipo. Preferisco gli zaini alle borse sui lunghi tragitti e soprattutto quando viaggio con libri e laptop. Viaggio da anni con la mia amata Freitag bag (comoda, resistente e soprattutto impermeabile), ma come detto prima, per i viaggi lunghi preferisco lo zaino. Dopo che il mio povero Herschel ha tirato le cuoia a Firenze, ho dovuto- per ovvie ragioni- sostituirlo. Quindi da Firenze mi sono portata il mio nuovo zaino. Comodo, pieno di tasche e spazio. Praticamente perfetto per i viaggi lunghi. E fino adesso ha resistito a chilometri e chilomentri tra confini e treni.

Conclusione

In realta´´ ogni kit di sopravvivenza/ pronto soccorso per traduttori e´´ totalmente soggettivo e dipendende da diversi fattori ( e esperienze). Per quanto mi riguarda considero sempre gli stessi: peso, resistenza e costi. Non che qualita´´ e durata non rientrino nei requisiti primari, al contrario. Tuttavia mi sono resa conto che portando sempre uno zaino/ borsa sulle/a spalle/a con valigia, incluso bagaglio a mano (spesso e volentieri cerco di trattenermi e confino tutti i miei vestiti in un minuscolo spazio vitale), peso e resistenza svolgono un ruolo non poco importante. Come detto in precedenza tutto e´´ relativo. Ho deciso di rinunciare ad alcuni vestiti per lasciare spazio all ´´ attrezzatura e viaggiare il piu´´ leggera possibile. Il tutto e´´ nato da uno dei numerosi viaggi in autobus. Viaggiare con una valigia e´´ una cosa, ma con il bagaglio a mano e´´ tutta un ´´ altra storia, soprattutto se per colpa di una valigia, devi rimanere ferma ad aspettare l ´ autobus successivo, ma questa e´´ un ´ altra storia.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: